Angelina Jolie è un umanitario dedicato, ed è determinata a rendere il mondo un posto migliore attraverso una varietà di sforzi caritatevoli. Sebbene abbia trovato fama sia come figlia di celebrità che attraverso il suo lavoro sul grande schermo, usa continuamente la sua enorme piattaforma per promuovere la gentilezza e la giustizia in tutto il mondo. Sia che stia facendo luce sull’importanza delle api o sulla situazione dei rifugiati, Jolie comprende l’importanza di aiutare il pianeta e le persone che lo abitano.

La madre di sei figli, inviata speciale presso l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, si è particolarmente interessata ai paesi in cui sono nati i suoi tre figli adottivi: Cambogia, Etiopia e Vietnam.
” Il mio ruolo di goodwill ambassador ha reso il mio lavoro di star del cinema relativamente noioso. Non riesco a trovare nulla che mi interessi abbastanza per tornare al lavoro”, ha detto alla CNN nel 2005. “Semplicemente non sono entusiasta di nulla. Non sono entusiasta di andare sul set di un film.”

Angelina Jolie: Umanitaria e ambientalista

Jolie non è estranea a usare la sua voce per parlare per gli altri. Da evidenziare i problemi che affliggono le popolazioni di rifugiati per promuovere la conservazione degli animali, qui ci sono 10 volte l ” attrice ha usato la sua piattaforma per sempre.

Salva le api e abilita le donne

Nel maggio 2021, Jolie è stata nominata “Madrina” dell’iniziativa Women for Bees, un programma quinquennale progettato per formare le donne in tutto il mondo come apicoltori. Come tale, l ” attrice ha posato per una foto in National Geographic, mentre coperto con le api, nel tentativo di aumentare la consapevolezza circa gli sforzi di conservazione in corso.

Jolie è giustamente entusiasta dell’iniziativa. “Quando le donne acquisiscono abilità e conoscenze, il loro istinto è quello di aiutare a crescere gli altri. Sono entusiasta di incontrare le donne che partecipano a questo programma da tutto il mondo”, ha detto in una dichiarazione all’epoca.
“Non vedo l’ora di conoscerli e conoscere la loro cultura e l’ambiente e il ruolo che le api svolgono in questo. Spero che la formazione rafforzerà la loro indipendenza, i loro mezzi di sussistenza e le loro comunità.”

Lavora per aiutare i rifugiati

Il premio Oscar ha trascorso quasi due decenni a lavorare con l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR). Ha iniziato il suo lavoro con l’organizzazione come ambasciatrice di buona volontà e ha viaggiato in Sierra Leone, Iraq, Thailandia e altro ancora per aiutare a trovare soluzioni per le persone che sono state costrette a fuggire dalle loro case.

Nel 2012, Jolie è diventata inviata speciale presso l’UNHCR e da allora ha continuato il suo lavoro con le popolazioni di rifugiati in tutto il mondo.
“Il mio lavoro ora comporta la lotta al fianco dei miei colleghi affinché i rifugiati abbiano diritti e protezione, resistano ai rimpatri forzati e spingano per migliori opportunità di apprendimento”, ha detto a Vogue nel giugno 2020. “L’UNHCR è un’agenzia di protezione. Aiutiamo coloro che sono fuggiti dalla guerra e dalla persecuzione, che hanno avuto i loro diritti violati.”

10 Volte umanitaria Angelina Jolie ha reso il mondo un posto migliore
Jolie combatte contro la violenza sessuale. / Foto di Tom Stoddart / Getty Images Reportage / Maddox Jolie-Pitt Foundation via Getty Images

Combatte contro la violenza sessuale

Nel 2012, Jolie ha collaborato con l’ex ministro degli Esteri Lord William Hague di Richmond per avviare l’iniziativa Prevent Sexual Violence In Conflict.

Come parte del Foreign, Commonwealth & Development Office nel Regno Unito, l’iniziativa mira a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’entità della violenza sessuale contro bambini e adulti in situazioni di conflitto armato e a mobilitare l’azione globale per porvi fine.

“Quando si tratta di questo, trattiamo ancora la violenza contro le donne come un crimine minore”, ha detto Jolie a February a febbraio 2018. “Oltre 150 paesi hanno firmato un impegno per porre fine all’impunità per lo stupro della zona di guerra. Ci sono nuove squadre in atto per raccogliere prove e sostenere procedimenti penali. Sono stato in Kenya la scorsa estate quando le truppe di pace delle Nazioni Unite hanno ricevuto un nuovo addestramento, dal momento che le forze di pace sono state parte del problema. Stiamo lavorando con la NATO su addestramento, protezione e ottenere più donne nell’esercito, ma c’è ancora molto da fare.”
Nel 2014, Jolie ha unito le forze con la stilista vegana Stella McCartney per lanciare la campagna Draw Me to Safety. La campagna è stata progettata per aiutare a porre fine alla violenza sessuale e aiutare i bambini che vivono in paesi devastati dalla guerra.

È una ambientalista

Nel 2003, Jolie ha fondato la Maddox Jolie-Pitt Foundation—un gruppo di conservazione che lavora per preservare l’ambiente della Cambogia e la fauna selvatica in via di estinzione. La fondazione mira anche ad alleviare l’estrema povertà rurale in Cambogia e ha istituito un programma di bonifica delle mine.

“Con così tanto che siamo preoccupati in tutto il mondo e così tante persone che si sentono sopraffatte dalle cattive notizie e dalla realtà di ciò che sta crollando, questo è uno che possiamo gestire”, ha detto a proposito della conservazione. “Possiamo certamente tutti intervenire e fare la nostra parte.”

Jolie è anche patrona della Harnas Wildlife Foundation, un’organizzazione namibiana dedicata al salvataggio degli animali selvatici in via di estinzione.

10 Volte umanitaria Angelina Jolie ha reso il mondo un posto migliore
Jolie combatte per i bambini orfani e abbandonati. / Photo by KHALIL MAZRAAWI / AFP via Getty Images

Combatte per i bambini orfani e abbandonati

Jolie è stata ambasciatrice di SOS Villaggi dei bambini, che si concentra sulla protezione degli interessi e dei diritti dei bambini orfani e abbandonati, per diversi anni. Come parte del suo lavoro con l’organizzazione, the Girl, Interrupted star ha visitato molti degli avamposti internazionali della carità ad Haiti, Giordania, Etiopia e altro ancora
In passato, Jolie ha detto che ama lavorare con SOS perché ha “visto che i bambini stanno crescendo in un ambiente sicuro e amorevole.”

10 Times Humanitarian Angelina Jolie ha reso il mondo un posto migliore
Jolie usa la sua piattaforma per mettere in luce i rifugiati. / Foto di K M Asad / LightRocket via Getty Images

Usa la sua piattaforma per mettere in luce i rifugiati

Jolie ha usato la sua piattaforma come una star del cinema per portare visibilità alle esperienze dei rifugiati. Ha prodotto diversi film che ritraggono la loro lotta, tra cui il suo debutto alla regia, In the Land of Blood and Honey, che ha anche scritto. Il film del 2011 si svolge durante la guerra bosniaca e descrive gli orrori che ne derivano.

Jolie in realtà girato due versioni del film—uno in inglese e uno nel nativo serbo-croato—e cast attori locali provenienti da parti della ex Jugoslavia. Molti di loro avevano vissuto la guerra.

Nel 2017, Jolie ha prodotto, co-scritto e diretto un altro film intitolato First They Killed My Father, basato su un libro di memorie con lo stesso nome scritto da Loung Ung. Come un bambino, Ung è stato costretto ad essere addestrato come un bambino soldato, mentre i suoi fratelli sono stati inviati ai campi di lavoro durante il regime dei Khmer Rossi.

” L’ho fatto per la Cambogia. L’ho fatto come una sorta di ringraziamento, una lettera d’amore”, ha detto a Screen Daily del film a settembre 2017. “Non c’era stata una storia su questa scala che avrebbe raggiunto le persone nella loro lingua, con loro che erano l’eroe.”

10 Volte umanitaria Angelina Jolie ha reso il mondo un posto migliore
Jolie ha iniziato una fondazione umanitaria. / Foto di KHALIL MAZRAAWI / AFP via Getty Images

Ha fondato una Fondazione umanitaria

Oltre alla Maddox Jolie-Pitt Foundation, Jolie e il suo ex marito Brad Pitt hanno creato la Jolie-Pitt Foundation nel 2006. Ha lo scopo di aiutare le cause umanitarie in tutto il mondo.

Quando la fondazione è stata lanciata 15 anni fa, il duo ha fatto un grande successo donando million 1 milione all’Azione globale per i bambini, ora interrotta, e un altro million 1 milione a Medici Senza Frontiere nel tentativo di aiutare le famiglie in estrema povertà colpite dall’HIV/AIDS.
Inoltre, la fondazione ha dato $333,000 a SOS Villaggi dei bambini—un’altra causa vicina al cuore di Jolie—e donato million 1 milione a gruppi di aiuto umanitario che lavorano in Darfur nel 2007.

Lei restituisce attraverso la moda

Come una star del cinema, Jolie non è estranea ai gioielli, quindi non è una sorpresa che lei ha anche trovato un modo per usarli per rendere il mondo un posto migliore.

The Style of Jolie, una collezione di gioielli collaborativa di Jolie e del designer Robert Procop, è stata lanciata nel 2012 a beneficio di un ente di beneficenza co-fondato da Jolie chiamato Education Partnership for Children of Conflict. Lo scopo di questa carità è quello di costruire scuole e fornire istruzione per i bambini in aree di conflitti devastanti e alte concentrazioni di rifugiati.

Sia Procop che Jolie si sono impegnati a donare il 100% dei profitti di Style of Jolie all’ente di beneficenza, che nel 2013 aveva già costruito una scuola elementare in Afghanistan.
“Oltre a godere della soddisfazione artistica di progettare questi gioielli, siamo ispirati dal sapere che il nostro lavoro sta anche servendo l’obiettivo reciproco di fornire ai bambini bisognosi”, ha detto Jolie in una dichiarazione nel 2013.

10 Times Humanitarian Angelina Jolie ha reso il mondo un posto migliore
Lei consente agli altri di rendere il mondo un posto migliore. / Foto di Chris Hondros / Getty Images

Lei consente agli altri di rendere il mondo un posto migliore

Jolie ha istituito la Jolie Legal Fellowship intorno al 2011 e lo usa per aiutare gli altri a fare del bene. La borsa di studio, creata e finanziata dalla Fondazione Jolie-Pitt, sostiene i continui sforzi del governo di Haiti per rafforzare il sistema giudiziario haitiano.

Nel 2011, Nathalie Nozile, allieva di SOS Villaggi dei bambini a Santo, Haiti, è stata scelta come prima Jolie Legal Fellow. È stata selezionata dopo la laurea presso l’Università della Florida Levin College of Law nel 2009.

“Sono entusiasta che Nathalie Nozile sarà il nostro primo collega legale ad Haiti – dove la necessità di migliorare la protezione dei bambini è così grande,” Jolie ha detto in una dichiarazione al momento.
L’attrice ha aggiunto: “Ora, come promettente avvocato, attingerà alla sua esperienza personale mentre ritorna per contribuire a rafforzare il sistema giudiziario haitiano. Nathalie lavorerà per contribuire a garantire la parità di accesso alla giustizia e la protezione dei diritti dei bambini ad Haiti.”

Sostiene il movimento Black Lives Matter

Nel giugno 2020, Jolie ha donato 2 200.000 al NAACP Legal Defense Fund in seguito all’ingiusto omicidio di George Floyd. L ” attrice ha fatto la donazione considerevole un giorno prima del suo 45 ° compleanno, e ha rilasciato una dichiarazione potente per quanto riguarda la sua decisione di restituire e sostenere la causa.

” I diritti non appartengono a nessun gruppo per dare a un altro. La discriminazione e l’impunità non possono essere tollerate, spiegate o giustificate. Spero che possiamo riunirci come americani per affrontare i profondi torti strutturali nella nostra società”, ha detto all’epoca. “Sono con il NAACP Legal Defense Fund nella loro lotta per l’uguaglianza razziale, la giustizia sociale e la loro richiesta di una riforma legislativa urgente.”

La donazione NAACP di Jolie è solo un modo in cui ha sostenuto il movimento BLM. L’attrice ha parlato della necessità di un cambiamento, compresa la riforma della giustizia penale. “C’è razzismo e discriminazione in America”, ha detto a El UK, notando che teme per sua figlia Zahara che cresce come una donna di colore negli Stati Uniti “Un sistema che mi protegge ma potrebbe non proteggere mia figlia—o qualsiasi altro uomo, donna o bambino nel nostro paese in base al colore della pelle-è intollerabile.”
Jolie ha anche parlato di cambiare il modo in cui le scuole americane insegnano e coprono la storia nera. In una discussione per TIME 100 Talk con l’attivista climatica ugandese Vanessa Nakate, Jolie ha dichiarato: “Quello che vedo, ad esempio, nei libri di storia americana e quanto sono limitati are iniziano a insegnare alle persone che sono nere le loro vite attraverso il movimento per i diritti civili, che è un posto così orribile per iniziare.”

Questo post è stato modificato l’ultima volta il 4 giugno 2021 5: 20 pm

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.