La mia infanzia è stata trascorsa a Mangaluru, una piccola città costiera in Karnataka.(1960s,70s e primi anni ‘ 80)

Fino all’età di forse 6 o 7 anni le nostre vacanze estive sarebbero state trascorse a Chennai, dove i miei nonni materni soggiornavano. Mi piacerebbe molto lì. Ogni giorno nel pomeriggio mio nonno mi comprava il gelato da un venditore di cyclecart che andava di porta in porta a vendere gelati.

Quando avevo circa 8 anni entrambi i miei nonni materni erano morti e le nostre vacanze estive a Chennai si sono concluse.

Il resto degli anni, le vacanze sono state trascorse a Mangaluru. Siamo stati in un bungalow tentacolare con un composto enorme che aveva un sacco di cocco, mango, sapota, uva spina, jackfruit e jamun alberi. Il nostro fabbisogno idrico è stato soddisfatto da un pozzo. Non abbiamo avuto il collegamento idrico comunale. Durante l’estate l’acqua nel pozzo sarebbe quasi prosciugarsi. Quindi gli anziani sarebbero stati occupati con problemi d’acqua.

Io, essendo il maggiore, ci si aspettava di prendersi cura di mia sorella minore e intrattenerla. Leggevo un sacco di libri di Enid Blyton, quindi inventavo personaggi interessanti e raccontavo le sue storie . Ancora oggi, dopo tanti anni, ricorda ancora le storie che le raccontavo.

Quando eravamo un po ‘ più grandi, noleggiavamo biciclette a ore e le guidavamo. Pomeriggio sarebbe troppo caldo per giocare fuori così insieme con i nostri amici e vicini di casa che ci hanno visitato, avremmo giocare giochi da tavolo come ludo, serpenti e scale e carte. Giocavamo a nascondino, buff cieco e LONDRA Londra all’interno della casa.

Alle 4 del pomeriggio uscivamo con peperoncino in polvere e sale e arrampicavamo sugli alberi di mango e seduti sui rami mangiavamo manghi acerbi. Una volta seduti e mangiando manghi su un albero, abbiamo visto un enorme ratsnake su un ramo vicino. Ci arrampicammo rapidamente terrorizzati, facendoci male alle ginocchia e alle braccia e corremmo a casa. Dopo quell’incidente siamo stati più attenti mentre arrampicavamo sugli alberi. Ratsnakes erano comuni e anche entrato nelle nostre case tetto di tegole in cerca di prede di ratto.

Giocavamo a cricket con mazze e palline di plastica. Non c’era la tv in quei giorni e se ci fosse stata una partita di cricket in cui l’India stava giocando, saremmo stati incollati alla radio ascoltando il commento. Una volta alla settimana andavamo al cinema a guardare film. Anche mia madre era pazza di film e abbiamo cercato di non perdere mai un film di Amitabh Bachchan.

Vacanze estive significava oziare, giocare e banchettare con tenera acqua di cocco, mango, jackfruit, sapota e uva spina. Mia madre avrebbe fatto patholis jackfruit e muliks (specialità konkani) che ci piaceva mangiare.

La canzone ‘those lazy hazy crazy days of summer’ di Nat king Cole riporta sempre i ricordi felici delle nostre vacanze estive d’infanzia.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.