L’attuale discussione sui pro e i contro del gioco d’azzardo si è concentrata su quelli che sono spesso i tragici risultati di scarso giudizio e mancanza di autocontrollo. Questi pericoli sono abbastanza reali, ma concentrandosi esclusivamente su di essi fraintendiamo il simbolismo rituale che sta alla base del gioco.

Anche i cittadini dell’antica Roma giocavano a dadi una volta all’anno, alla festa dei Saturnali, in onore del dio dell’abbondanza (anche se le scommesse erano solo dadi, non soldi). Lungi dall’essere malvagio, o anche semplicemente neutrale, il gioco d’azzardo è spesso descritto nella mitologia tradizionale come un’incarnazione del funzionamento dell’universo stesso.

I miti scandinavi ci dicono che dadi e rune, cioè numeri e lettere, sono stati dati agli esseri umani da Odino, re degli dei. Si dice che gli dei giochino ai tavoli, un gioco le cui mosse sono in parte determinate dai dadi, usando tavole dorate che rimangono ininterrotte anche dopo Ragnarok, la caduta degli dei. Ciò suggerisce che gli dei stessi sono soggetti al destino: quel numero e la misura governano tutte le cose. Infatti, la parola “dadi” deriva dal latino datus, che significa ciò che è “dato” dalla fortuna.

Nel mondo antico, le forze della casualità erano personificate come la volontà imprevedibile degli dei, o della Fortuna stessa. La ruota della Fortuna e il mulino del Destino sono immagini che rivelano gli inalterabili cicli di cambiamento nel mondo, incarnati nei cieli che girano così come nella caduta dei dadi. Il tabellone di gioco era visto come la Terra a quattro quarti, con le mosse dei giocatori determinate in parte dai dadi, cioè dal Destino.

Il gioco d’azzardo è raffigurato qui come un rituale che contrappone l’intelletto umano alle forze imprevedibili del caso che ci circondano. È una forma concentrata del comportamento di assunzione del rischio che svolgiamo ogni giorno, in cui la fortuna ci offre talenti e circostanze diverse, ma dobbiamo usare la nostra intelligenza per trasformarli in vantaggi. Il gioco d’azzardo allena la mente a gestire il rischio.

Molte tavole da gioco, dadi e immagini di persone che giocano giochi d’azzardo e di abilità sono giunti fino a noi dal mondo antico. I giochi da tavolo, in particolare, sono mostrati come ricreazione del guerriero, allenandolo nei complessi giudizi necessari nel caos della battaglia quando fattori imprevedibili interagiscono con la sua abilità e giudizio a rotta di collo.

Uno spettro di abilità va dai giochi di pura fortuna, come i dadi o il Lotto, ai giochi di puro intelletto, come gli scacchi. Ma anche i giochi di pura fortuna sfidano il nostro giudizio. Mettono alla prova la nostra capacità di scommettere solo ciò che possiamo permetterci di perdere e di sapere quando andare via con le nostre vincite, o per tagliare le nostre perdite e smettere di giocare, un’abilità di cui abbiamo bisogno in più iniziative di calcolo.

“Non mettere tutte le tue merci a bordo della nave per il commercio”, scrisse il poeta Esiodo nel vii secolo AC, ” perché è una brutta cosa incontrare il disastro in mare. Lascia la maggior parte a casa: la giusta misura è la migliore in tutte le cose.”Consiglio equivalente vale per coloro che giocano il mercato azionario di oggi.

Il gioco d’azzardo sui cavalli è, allo stesso modo, un “gioco” che imita le scommesse reali fatte da venture capitalist di ogni tipo. Gli allevatori di cavalli si affidano ai loro soldi per la qualità del loro sangue in ogni gara senza mai dover piazzare una scommessa; gli investitori giudicano che l’abilità del produttore che sostengono supererà i capricci del caso – e quindi si fidano dei loro soldi per il loro buon giudizio.

Il gioco d’azzardo può quindi allenare ed esercitare la mente nell’assumere rischi reali. Ma come mostra il suo antico simbolismo, è anche un rituale che onora le doppie influenze del caso e dell’abilità nel nostro mondo. Mettere la propria fiducia nella Fortuna da solo è l’errore del tossicodipendente di gioco, e Mercurio, il dio del calcolo, ottiene debitamente la sua vendetta quando i contatori di fagioli si muovono sul fallimento. Ma sia il caso che l’abilità sono attivi nella nostra vita tutto il tempo; ignoriamo entrambi a nostro rischio e pericolo.

Il cittadino sobrio che ha un flutter annuale alle corse dovrebbe forse essere visto come imitando i Romani che giocano a dadi-offrendo piamente il riconoscimento rituale della continua presenza della Fortuna per tutta la nostra vita.

· Prudence Jones is co-author of A History Of Pagan Europe

{{#ticker}}

{{topLeft}}

{{bottomLeft}}

{{topRight}}

{{bottomRight}}

{{#goalExceededMarkerPercentage}}

{{/goalExceededMarkerPercentage}}

{{/ticker}}

{{heading}}

{{#paragraphs}}

{{.}}

{{/punti}}{{highlightedText}}
{{#choiceCards}}

SingleMonthlyAnnual

Altro

{{/choiceCards}}

{{#cta}}{{testo}}{{/cta}}

metodi di pagamento Accettati: Visa, Mastercard, American Express e PayPal

Ci terremo in contatto per ricordare a contribuire. Guardare fuori per un messaggio nella tua casella di posta in . Se avete domande su come contribuire, non esitate a contattarci.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.